Orfismo – prima della filosofia

“L’uso per un maestro di fondare una scuola, parzialmente somigliante ad una confraternita, dove si praticava una vita comune, simile ad una regola monastica, una dottrina esoterica non enunciata al pubblico… Tutto ciò era naturale in quanto la filosofia aveva avuto origine dall’orfismo. Tra i sofisti, nulla di tutto questo.” – B. Russell

Cos’è stato l’orfismo?

« Ho tentato fin qui di delineare il percorso di una eredità spirituale, che muove dalla Scizia attraverso l’Ellesponto e passa per la Grecia d’Asia, si combina probabilmente con qualche residuo di tradizione minoica sopravvissuta a Creta, emigra verso il lontano Occidente con Pitagora e trova il suo ultimo autorevole rappresentante nel siciliano Empedocle. Questi uomini diffusero la credenza in un io separabile, che mediante tecniche adatte può staccarsi dal corpo anche durante la vita; in un io più antico del corpo, al quale esso sopravvivrà. »
(Eric R. Dodds. I Greci e l’irrazionale. Milano, Rizzoli, 2009, p. 195)